Storie…

Quando il nostro pensiero inciampa o deve fare a pugni con la vita concreta può accadere che la ricchezza intellettuale, il suo spessore, la sua ricercatezza e, perché no, anche la sua credibilità si frantumano come accade alla filosofia che perde credito quando, volando alto, la scopri come un immenso campo diviso in mille orticelli dove ognuno cura il suo e comprendi quanto ciascuno eviti quel confronto che, anziché dividere, unisca. Quei singoli orticelli che, presi singolarmente, hanno tutti una loro logica e saranno tutti convincenti ma, se provi a metterli assieme per arrivare ad una logica comune, alzano impenetrabili recinzioni di filo spinato. Chiunque sia quel dio che ha creato l’umanità, deve essersi divertito da matti quando ha modellato la donna. Altro che prendere una costola al povero Adamo, a me sembra che abbia voluto, invece, infilargli proprio una spina nel fianco. Qualcosa che fosse molto più di un buco fra le cosce destinato alla riproduzione. Qualcosa che togliesse certezze al tizio con due coglioni fra le gambe ed uno sul collo. Qualcosa che, al momento giusto, gli rovinasse quell’impalcatura che appariva indistruttibile e che spesso si autocostruisce con tanta cura. Quel dio, aveva bisogno di un essere speciale e chi meglio di una donna?

C’è una storia che, a seconda della prospettiva culturale di chi legge, può assumere il senso che gli si vuole dare. Potrebbe non piacere, perciò handle with care

N.H 

  

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...