La vergogna. Mi vergogno. 

  
Spero che scappiate tutti, spero che il Muro di Igumenti diventi un colabrodo, esattamente come ho sperato che cadesse il Muro di Berlino, e che tutte le fughe per la libertà da tutti i mondi concentrazionari riuscissero. 

Il mio augurio ai fuggitivi, beffate i carcerieri, asciugatevi i vestiti e sperate nella primavera. 
N.H 

Annunci

5 pensieri su “La vergogna. Mi vergogno. 

  1. Il più bell’augurio che si possa rivolgere in questo momento a gente tanto sfortunata.
    Bellissimo pensiero, Nadine!
    Mi vergogno di far parte di questa Europa, ma penso che, se le cose vanno in questo modo, qualche colpa ce l’abbiamo tutti noi che siamo europei. I muri, le recinzioni col filo spinato non nascono da un giorno all’altro, ma sono il frutto di un lungo lavorio sotterraneo di odio e di paura nutrito da tutta la collettività.

    Un caro saluto prof!

    • Condivido in toto, piccolo Voltaire.
      Una collettività che ha paura è una società più controllabile… Sembra più che mai di stare nel romanzo di Orwell, 1984. Strade come corridoi di una prigione a cielo aperto, con il grande fratello vigile occhio sempre presente. Una società del controllo. Quale controllo?!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...