Leggerezza dell’essere 

Di post in post. Tutta la vita un post? Tra il dire e il fare c’è di mezzo un post? Meglio un post oggi o niente domani? E un post è davvero un apostrofo rosa tra le parole “hai rotto i coglioni”?

Ecco, dopo decine e decine di post non è che resta molto da raccontare, e questo è un dato di fatto. D’altronde, a meno che non si sia portatori di eccezionalità, tutte le esistenze comuni diventano un continuo déjà-vu / déjà-entendu con l’aggravante della sofferenza. Non consola per niente, ma fa sentire meno soli e, aggiungerei, anche un po’ meno tristi. Detto ciò, capita talvolta che tra queste pagine passi un provocatore al quale sapresti pure rispondere per le rime e, sei lì lì per farlo, ma ti blocchi e fai finta di niente perché sai bene che uno sforzo di retorica sarebbe vano. Ma soprattutto sai che certe cose vanno prese con leggerezza, che certi lussi appartengono al passato.

Fine della comunicazione di servizio. Come dicevano i vecchi blogger.

                                                                I’m only human after all

                                                                Don’t put the blame on me.

N.H

Annunci

5 pensieri su “Leggerezza dell’essere 

  1. Svegliata nera stamattina, eppure qui c’è un sole primaverile. La risposta ai tuoi pensieri aspri è nel titolo: la leggerezza ci salverà. I post sono leggeri pensieri che nascono e non puoi trattenere (come i fiori in una vecchia canzone), niente di più. Bello che ci siano, non attribuiamogli valori che non chiedono. Dai, una canzone per te, per alleggerire la tua giornata …

    • Stamattina no! Ieri sera sì. Ero giunta a fine giornata un po’ grigia 😊.

      Sono d’accordo. La leggerezza, oltre la bellezza, ci salveranno. Nel frattempo occorre conquistare sia l’una che l’altra 😉.

      Grazie di cuore della dedica 🙏🏻, ha reso questo momento più dolce 🍭

  2. ahahahahahahah… GRANDE,
    tu parli di “sforzi di retorica”…
    sapessi quanti vaffanculo ho sparato io in 14anni… roba da Guinness

    gli argomenti da trattare, quelli degni di essere trasformati in post, non li devi cercare, li devi cogliere nel quotidiano

    • Il quotidiano è fatto da una variegata moltitudine di argomenti e situazioni, coglierli tutti sarebbe una follia, smistarli e trasformare quelli degni di attenzione in un post è diventato una specie di “mission impossible”…

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...