Auguri papà 

Noi che il papà non ce l’abbiamo più. 
Noi che il papà ce lo portiamo sempre dentro. 

Noi che il papà lo festaggiamo nel cuore e nel pensiero, tutti i giorni.

Noi che il papà è la nostra memoria. 

Oggi nel giorno della tua festa porto con me il tuo orologio. Me lo presti vero? 
I restanti giorni dell’anno ti porto solo nel cuore… ma oggi voglio fare di più… voglio sfoggiare un tuo oggetto (geloso come sei delle tue cose, ma sta tranquillo, lo serbo come una reliquia) per far vedere al mondo quanto sono orgogliosa di essere tua figlia, anche se non arriverò mai a Te. 

Mi manchi ogni giorni di questa vita senza di Te.

Un bacio, 

Tua figlia.
N.H

Annunci

Orologi di Dalì

“A completamento della cena avevamo mangiato un camembert molto forte e, dopo che tutti se ne furono andati, rimasi ancora a lungo a tavola, a meditare sul problema filosofico dell’ipermollezza posto da quel formaggio.”Così Salvador Dalì spiega i suoi orologi cadenti e molli, simboli della soggettività del tempo.

Sia quel che sia, al netto di speculazioni filosofiche e quantistiche, ciascuno di noi saprà cos’è stato il suo tempo quando sarà troppo tardi.
N.H

Battaglie di civiltà

Prossime battaglie di civiltà perché “le chiedono/vogliono gli italiani”:

– abolire il suffragio universale
– ridare alle donne il ruolo di regine della casa
– vietare aborto e divorzio
– sottomettere la scienza medica a un comitato di stregoni
– tornare alle punizioni corporali in classe
– legalizzare la schiavitù
– abolire il lavoro salariato e sostituirlo con premi in visibilità
– bruciare in piazza i libri di propaganda “buonista” (pro-gay, immigrati, comunisti e altri attentatori del “naturale” ordine delle cose)
– vietare le effusioni dei “diversi” in pubblico
– obbligare al crocefisso in ogni luogo pubblico e privato
– fare della “legittima difesa” il diritto di “sparare a chi voglio, quando voglio”.

– tornare non alla lira, ma al TALLERO!

– Azzerare le tasse per i redditi superiori al milione di euro (portano lavoro, mica come i poveri di merda!)

-Ripristino della leva militare obbligatoria, perché ai giovani fa bene un po’ di sana disciplina

Presto, partecipate al ‘Nuovo Manifesto degli Italiani Perbene’! È in crowdsourcing! È dal basso! E lo vuole la gente, eh!

 

N.H

Bestemmia di Pier Paolo Pasolini

La diversità che mi fece stupendo
E colorò di tinte disperate
Una vita non mia, mi fa ancora
Sordo ai comuni istinti, fuori dalla
Funzione che rende gli uomini servi
E liberi. Morta anche la povera
Speranza di rientrarvi, sono solo,
Per essa, coscienza.
E poiché il mondo non è più necessario
A me, io non sono più necessario.

(PPP, Poesie inedite, 1964)

pasolini

Solo l’ira dei giusti ci salverà

Martin Luther King parlava dell’assordante silenzio degli onesti.

Non si può lasciare il politicamente scorretto nelle mani di queste destre xenofobe, razziste, ignoranti, cialtrone, fasciste. È giunto il tempo che la ragione e il buon senso alzino la voce, e lo facciano in modo politicamente e inevitabilmente scorretto. Altro che decaloghi e galatei: è ora di mettere fine a questo decadimento morale, civile e polito. Reagire con la stessa schiettezza con cui le destre attaccano i principi su cui nasce la pacifica convivenza civile.

Hai un amico razzista? Bloccalo, cancellane il numero di telefono, isolalo, dì a tutti quelli che conosci che è un razzista fascista xenofobo ed è meglio perderlo che trovarlo. Ne hai assunto uno? Licenzialo. Ne senti parlare uno al bar? Ricordagli che l’apologia del fascismo è un reato, chiama le forze dell’ordine e pretendi il rispetto dello Stato di diritto.

Salvini ti fa incazzare? Ignoralo, ripeterne le stronzate non serve ad altro che fare il suo gioco (che poi, se ci pensate, è quello di Trump: spararla sempre più grossa per avere attenzione mediatica).

Questo è un gioco che finisce male, se lo si affronta con le armi del moralismo e della “politica gentile”. Qui bisogna alzare un muro. Andare in piazza. Fare contropropaganda. Opporre fatti a demenza. Attivarsi tutti, ciascuno come può.

Non è Salvini il problema: è che stanno vincendo gli ignoranti, i buzzurri, i cialtroni, i razzisti, in Italia e fuori. Indignarsi non basta più: serve una rivolta dei giusti. E serve subito.

Sia Chiaro, la mia è prima di tutto una idea politica: non si può lasciare il politicamente scorretto come arma di consenso a una sola parte, quella fascista. La seconda è una risposta di alto livello: fornire strumenti di pensiero critico e una alternativa ideologica che dia un sostegno alle masse di disperati che cascano in questo liquame della storia. La terza è protestare, con tutte le armi che consente la democrazia. La quarta è dissociarsi dai consorzi umani connotati a quel modo. La quinta è condannarli e pretendere li condanni anche la legge. La sesta è, se serve, lo scontro.

 

N.H