Ci sono. 

Qualcuno – non mi ricordo più chi – diceva che il coraggio è fatto di Paura. 

Accidenti quanto è vero. 

Paura. Cambiamento. Spavento e preoccupazione, ma anche presa di coscienza, coraggio e sfida. 

La ricerca di nuovi punti di equilibrio perché i precedenti saltano tutti come ponti durante un’alluvione. Ecco. Il dilagante dilagare di un fiume in piena assomiglia al cambiamento. E dopo un periodo di apparente calma, in cui tutto sembrava andasse per il verso giusto, una tempesta che travolge e sconvolge e forma enormi onde che si frangono con fragore contro lo scoglio duro dell’assuefazione al sereno benessere del nulla, sembra una cosa assurda, quasi impensabile. 

Uno sconquasso assordante. 

Un pensiero insopportabile. 

Una paura viscerale. 

Paura. 

Davvero molta paura. Eppure, paradossalmente, l’aria diventa più leggera e l’adrenalina ricomincia a spalmarsi sulla pelle, come fosse una crema, per addolcire l’infiammazione. Cicatrizzare le ferite. E alla paura si aggiunge la dolcezza. Ha il sapore buono di quelle caramelle che da bimba rubavo dalla ciotola di cristallo sul tavolino basso del nostro salotto. Paura con dolcezza, come un ossimoro. 

Incredibile. 

Non tutti gli equilibri sono equilibrati. Non tutto è come vorrei che fosse. Non è tutto nel posto esatto dove dovrebbe essere. E mi chiedo se è poi così importante? Se non è meglio il caos della ricerca all’immobilismo del traguardo?
Comunque. Va bene così. In fondo, niente capita a nessuno, che questi non sia per natura in grado di reggere. 

Sto bene. 

N.H