Prendiamola con filosofia 

“Senza provare turbamento vedrà il suolo spalancarsi, rotti i legami che lo tengono unito, anche quando venissero allo scoperto i regni stessi degli inferi. Si ergerà intrepido sull’orlo di quell’abisso, e forse da solo si precipiterà dove in ogni caso è destinato a cadere. Che cosa m’importa della grandiosità di ciò che mi uccide? La morte, di per sé, non è gran cosa”.

Seneca, “De Providentia”

Da sempre, gli stoici così, mi sono apparsi come esseri a sé stanti, in perenne contraddizione/oscillazione tra crudeltà e eroismo mentale; tuttavia non posso non ammettere un moto di ammirazione per loro, con buona pace di certe boutade che mi lasciano un po’ perplessa. Ad esempio: l’insegnamento senechiano, nel rimarcare l’imperturbabilità del saggio dinanzi alla morte propria e altrui – per non parlare delle sue considerazioni sul suicidio – , afferma che questi ha compiuto un percorso di distacco tale dalla vita da non provare compassione per alcun individuo sofferente, foss’anche qualcuno a lui prossimo. Questo perché il sapiente pensa che il dolore è condizione propria dell’uomo quindi parte integrante del suo vissuto e di conseguenza non vi è motivo per esserne turbati.

Ebbene, sono sempre più persuasa che il disprezzo per l’umana fragilità è ben lungi dall’essere segno di saggezza o qualsivoglia forma di raziocinio.

È nelle avversità che l’uomo misura se stesso e, così facendo, riesce a comprendere appieno il valore – enorme – nascosto nella propria interiorità. Le avversità costituiscono un banco di prova che, pur infliggendo dolore, rallegra alfine con le gioie del superamento, della vittoria, della riuscita.

Parallelamente, c’è lui, il barone di Coubertin, egli, nel ribadire l’importanza della lotta interiore, insegna: “L’important dans la vie, ce n’est point le triomphe, mais le combat. L’essentiel n’est pas d’avoir vaincu, mais de s’être bien battu.” (Riporto in lingua originale per non stravolgere il senso nella traduzione).

Ecco, forse questa interpretazione del senso della vita potrebbe in qual modo far vacillare anche il più saggio degli stoici. Sempre che lo stoicismo sia accomunabile alla saggezza e che disinteressarsi del destino proprio o altrui non sia in realtà un espediente per chiamarsi fuori dai giochi. Come se questo fosse possibile.

Un certo parallelismo con quel nirvana così difficile da raggiungere ma che non è paradiso, non è morte e, per me, non è nemmeno vita.

N.H

Annunci

6 pensieri su “Prendiamola con filosofia 

  1. L’umana fragilità è ciò che ci accomuna un po’ tutti. Disprezzarla è disprezzarsi, credo. Non va bene. Non è sano. Non è umano.

    Senti, a quando il prossimo tour in mezzo ai comuni mortali? 😊

  2. Qualunque interpretazione del senso della vita è essa stessa priva di senso, poiché la vita non ne ha alcuno. La vita è un evento casuale, della stessa imprevedibilità del fondersi degli elementi del disordinatissimo caos universale. Non ha ragione ne scopo. Essa è…forse, e basta. Cercare e dare piacere e sollievo dei sensi, son le uniche ragionevoli reazioni al non sense esistenziale

    • Sono d’accordo ☝️, ma vedi, il punto è che il genere umano è così complicato e complesso da voler a tutti i costi spiegare, interpretare e cercare risposte a tutti i sense/non sense esistenziali 😬

  3. In fondo non sappiamo cosa siamo venuti a fare, se non lasciare qualche seme qua e là che ci perpetui. La vita è una folata di vento, che ci posa sulla terra e ci rapisce a un tratto sul più bello, quando vorresti vedere crescere i tuoi nipotini. Il mio più grande cruccio è non poter vedere cosa farà da grande il mio piccolo Matteo. Ciao cara!

    • Ciao Maria cara, io credo che la parte più affascinante della nostra vita sia proprio il non sapere e il raggiungerlo. In mezzo restano la ricerca, la crescita personale e l’esperienza che fanno molta differenza…
      Un abbraccio 🤗

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...