Il benessere!

“… mamma, su dai, non sei oggettiva! Lo dici perché sei arrabbiata, pensaci con più calma e poi mi dirai cos’è il benessere per te?”

Metto giù il telefono, e senza smettere di pensare, faccio un profondo respiro: voglio recuperare le forze e quella calma necessaria per fare ordine nella mia mente.

Aiuto, ma cos’è il benessere per me?!

Accidenti, non ho mai pensato seriamente al significato del benessere!!!

Mi rassereno: ci DEVE essere una risposta.

Ho sempre trovato e dato un significato preciso alle cose che dico e faccio.

Non tutto è definibile e definito, ma tutto ha un significato.

Credo che il benessere abbia più di un significato! Come avere un lavoro, la certezza di poter contare sulle persone a noi care, avere sicurezza per i figli, un’istruzione adeguata e… l’assistenza sanitaria. Stare bene e in salute è una mia prerogativa!

Penso che il benessere sia serenità e non felicità.

Guardo la nota scritta sulla lavagna della cucina “mamma, lascia la spesa in macchina, la scarico quando torno” e realizzo che preferire invece la ricchezza economica al benessere è cercare di privatizzare la felicità. Come si fa a non capire che per realizzare la ricchezza e mantenerla si dovrà ricorrere alla conflittualità, rinunciando proprio alla serenità.

La giornata è lunga, e la settimana è appena iniziata. Ho ancora tempo per pensare. Ai figli, per esempio.

Mi accorgo che è lo stesso anche per i figli. Benessere o ricchezza? Finché sono il mio benessere, tutto funziona. Quando li considero mia ricchezza si scatena il conflitto. Con loro, nei confronti degli altri e con me stessa perché la ricchezza è possesso e il possesso non aggiunge ma sottrae.

Il possesso è fatto di fili sottili ed attaccaticci come ragnatela. Toglie libertà in cambio di un corno. E la toglie a tutti.

Una persona non puoi pretenderla. Puoi solo conquistarla. Finché dura.

Smetto di pensare. Guardo intorno a me. E vedo di nuovo loro, i miei figli: sì, sono il mio benessere!!!

Vorrei che questa momento non finisse più e mi dico che finché dura, non finirà.

La settimana è appena iniziata, e come ogni buon inizio, si allacciano le cinture di sicurezza. La strada è lunga. Accendo la radio, c’è la nostra canzone preferita. Voglio ubriacarmi di benessere. Tanto l’etilometro non lo segnalerà…

N.H

Annunci