Il benessere!

“… mamma, su dai, non sei oggettiva! Lo dici perché sei arrabbiata, pensaci con più calma e poi mi dirai cos’è il benessere per te?”

Metto giù il telefono, e senza smettere di pensare, faccio un profondo respiro: voglio recuperare le forze e quella calma necessaria per fare ordine nella mia mente.

Aiuto, ma cos’è il benessere per me?!

Accidenti, non ho mai pensato seriamente al significato del benessere!!!

Mi rassereno: ci DEVE essere una risposta.

Ho sempre trovato e dato un significato preciso alle cose che dico e faccio.

Non tutto è definibile e definito, ma tutto ha un significato.

Credo che il benessere abbia più di un significato! Come avere un lavoro, la certezza di poter contare sulle persone a noi care, avere sicurezza per i figli, un’istruzione adeguata e… l’assistenza sanitaria. Stare bene e in salute è una mia prerogativa!

Penso che il benessere sia serenità e non felicità.

Guardo la nota scritta sulla lavagna della cucina “mamma, lascia la spesa in macchina, la scarico quando torno” e realizzo che preferire invece la ricchezza economica al benessere è cercare di privatizzare la felicità. Come si fa a non capire che per realizzare la ricchezza e mantenerla si dovrà ricorrere alla conflittualità, rinunciando proprio alla serenità.

La giornata è lunga, e la settimana è appena iniziata. Ho ancora tempo per pensare. Ai figli, per esempio.

Mi accorgo che è lo stesso anche per i figli. Benessere o ricchezza? Finché sono il mio benessere, tutto funziona. Quando li considero mia ricchezza si scatena il conflitto. Con loro, nei confronti degli altri e con me stessa perché la ricchezza è possesso e il possesso non aggiunge ma sottrae.

Il possesso è fatto di fili sottili ed attaccaticci come ragnatela. Toglie libertà in cambio di un corno. E la toglie a tutti.

Una persona non puoi pretenderla. Puoi solo conquistarla. Finché dura.

Smetto di pensare. Guardo intorno a me. E vedo di nuovo loro, i miei figli: sì, sono il mio benessere!!!

Vorrei che questa momento non finisse più e mi dico che finché dura, non finirà.

La settimana è appena iniziata, e come ogni buon inizio, si allacciano le cinture di sicurezza. La strada è lunga. Accendo la radio, c’è la nostra canzone preferita. Voglio ubriacarmi di benessere. Tanto l’etilometro non lo segnalerà…

N.H

Annunci

Il titolo è: Il Titolo.

titolo-libero
Di fronte a un obbrobrio come questo le reazioni possono essere molteplici:
“incredulità, truculenza, blasfemia, ilarità, pudore, sconcerto, indignazione…”, poi se hai cura di fermarti un momento a riflettere, comprendi che non solo c’è logica, ma in quel titolo c’è del genio.
Calano fatturato e pil, ma aumentano i gay” è uno di quei titoli da rotocalco da parrucchiera, del tipo: “INCREDIBILE! Chi avrebbe mai detto che…”
Insomma, è normale che un giornale che si rivolga a una platea di imbecilli post berlusconisti neo fascisti eternamente cretini, cerchi di intercettare il gusto del suo target.
È la logorante regressione oscurantista che stiamo vivendo; abbiamo sperperato ogni bene ricevuto in eredità dalla storia, dal progresso e dalla civiltà. Ci avviluppiamo a testa bassa e lancia in resta.
Pensate a un Eco, un Sartori, ma anche, che ne so, a un Ostellino che si ritrovasse oggi davanti alla tastiera per redigere un editoriale politico.
“Il ministro dell’Interno, dopo aver fatto il suo primo selfie della giornata davanti a una fetta farcita con la Nutella, scrive: ‘gnam gnam io pane e Nutella, e voi?’ ai suoi followers; poi indossata la divisa della Polizia Locale di Vergate sul Membro, si reca sul luogo del disastro, dove, dopo aver fatto un selfie con le macerie alle spalle, dichiara: ‘ho visto una trattoria lungo la strada, mangerò le tagliatelle a pranzo, e voi?’. I negri non mangeranno mai le tagliatelle di nonna Pina, le tagliatelle agli itagliani. Osannato dal popolo rutta cinghiale ingurgitato la sera prima e si allontana nel tripudio della folla festante.”
Provate a pensare al “vecchiumologo” (non scrivo storico per non vilipendere la materia) che questi tempi dovrà testimoniarli. Pareva difficile trasmettere ai posteri l’epopea berlusconiana, fatta di patonze, cene eleganti, di nani e ballerine, ma questa? Uno così bravo penso debba ancora nascere.
Ma mi sto lasciando andare. Torniamo al punto: “calano fatturato e pil, ma aumentano i gay”. Che altro avrebbero dovuto scrivere? “Tagliati i fondi per i sussidi alle famiglie con disabili gravi, si arrangi chi può”; oppure: “Lino Banfi all’UNESCO: Le tette di Edwige patrimonio dell’umanità”. Ecco, una cosa così avrebbe colto nel segno, perché il lettore di questi fogliacci questo vuole, questo cerca. E magari cosa sia l’UNESCO non lo sa nemmeno. Perché la ‘noiosissima’ storia l’ha imparata a memoria ma non l’ha capita, e quello che ha appreso è che “con la cultura non si mangia” anzi non si fa “gnam gnam”.
Insomma, l’oggi è figlio di ieri, e proprio oggi dovremmo iniziare ad apparecchiare il domani. Temo però che si debba ancora attendere; perché il presente è ancora crudo.
N.H

You are not entitled to your opinion

Vorrei davvero capire chi minchia ha sdoganato l’ignoranza; vorrei tanto sapere chi ha tolto l’onere di informarsi prima di aprire la bocca e rifilato alla persona colta, molto colta, appena più colta – o anche semplicemente informata – quello di dimostrare con disegnini, parole, gentilezza e tante scuse, che le teorie ululate da qualsivoglia caprone sono minchiate.

Vorrei davvero capire perché l’unica vera parola innominabile in quest’Italia ostaggio del politically correct estremo, del genitore uno e due, del diversamente caucasico, del diversamente cittadino regolare, dei quaranta punti esclamativi alla fine di ogni insulsa frase sia “IGNORANTE”.

Il termine ignorante è diventato of-limits. Guai a ricordare a un ignorante che è un ignorante. TU devi dimostrare il tuo sapere a chi non ne ha e non importa che tu stia parlando del tuo mestiere, il tuo bagaglio, quello che hai studiato per una vita intera. Tu, Copernico, portami sulla Luna e dimostrami che la Terra vista da lì non è una pizza margherita. Tu, pronipote di pronipoti di uomo sapiens-sapiens, tu dimostrami che i graffiti rappresentano scene di caccia e non una partita di polo con l’amico cervo che nun ce voleva stà. Tu, biologo, tu medico, tu fisico, tu chimico, tu filologo, tu storico, tu antropologo, tu con i tuoi cinque/sei/sette anni di università, con la tua specializzazione, i tuoi master, i tuoi decenni di studio. Tu che stavi a progettare la dorsale grazie alla quale io “c’ho l’internette e bloggo”, quando io ero alle elementari. Tu che hai scoperto che monitorando il valore delle PSA si può sgamare il cancro alla prostata. Tu che hai fatto lo zerbino del Barone Universitario che poi ha usato la tua ricerca sul mesotelioma per pubblicarla a nome proprio negli USA, mentre io lavavo automobili e la sera mi facevo una cannetta ed uno spritz coi bocia dell’officina. Tu. Mi DEVI DIMOSTRARE. Perché io che sono una capra analfabeta, che l’italiano non lo parlo perché mi fa fatica ed è un poco anche snob, io ti contesto, perché HO LETTO SU INTERNET CHE.

Non mi metto neanche ad elencarle, le valanghe di boiate immonde che io e voi tutti leggiamo ogni giorno sull’internette di ‘sta cippa. Nessuno ha più un interesse semplice, sono tutti fanatici di qualcosa. E l’animalista e il complottista e i novax e il fronte di liberazione dei pidocchi e le mamme pancine unite contro la scienza e le scie chimiche e i fruttariani (ma porca la miseria ladra, ma pure i fruttariani devono rompere gli zebedei? Ma vi rendete conto? Mi viene davvero da piangere. Chi sapeva che esistessero i fruttariani fino a poco tempo fa?) e i protocattolici fanatici che “l’inquisizione è un falso storico” e Darwin è “un massone” “al soldo del bisnonno di Soros” per scardinare la verità insita nel creazionismo. E il Grillino. E quella delle Sirene. E tutti, tutti, tutti alla fine che dicono “SVEGLIAAAAAA!!!!! NESSUNO LO DICE!!! PRESTO PRIMA CHE CENSURINO IL VIDEO – LA FOTO – IL POST – STAMINCHIA”.

E poi gli chiedi “Ma tu… che titolo hai per dire che la terra non è rotonda?”.

E non ottieni risposta. Oppure la ottieni, ed è la ripetizione della frase sopra: ho letto su internet, ho visto tutti i video su youtube, c’è un blog, una pagina facebook. E tu lo richiedi: “Ma cosa vuoi sapere di ricerca/biologia/medicina/architettura più dell’architetto/biologo/medico/ricercatore con cui stai parlando… ma tu che basi hai?”

Risposta: mi ha detto mio cuggino, ci avevo un link che e la mia preferita: “hahaha lo sanno tutti, tutti, anche SE NESSUNO LO DICE”.

E niente, a volte cerchi di capirlo da solo, da che cosa parta ‘sto cristo per dirti che tu dovresti vivere di sole banane e mele, in quale eccelse università si sia formato!

E scopri:

Una Terza media.

Diploma di frequentazione di catechismo.

Una triennale in merendine scomposte.

Laurea all’università della vita (!!!!!).

Palmares dei tornei di subbuteo vinti.

Accademia belle arti. Con tutto il rispetto per l’accademia delle belle arti, cosa che io personalmente non sarei stata in grado di fare manco sotto tortura per manifesta incapacità, ma che basi di biologia molecolare hai, con le belle arti?

“La mia opionione conta quanto la tua.”

UNA MINCHIA.

La tua opinione conta quanto la mia se parliamo alla pari.

Se sono ignorante come un cinghiale e io faccio una cosa per mestiere, la mia opinione conta qualcosa e la tua è aria che esce dalla parte sbagliata. Se vuoi parlare di politica, informati. Se vuoi parlare di scienza, non mi venire a dire che i vaccini fanno male. Se vuoi parlare di fisica nucleare… beh, completa gli studi al politecnico di Zurigo.

Ma oggi no, oggi non più. Oggi l’opinione di chiunque vale quanto quella di chiunque altro. Fondata o meno, mediata o meno. Io non leggo, non studio, non mi interesso, ma tu non puoi permetterti di dirmi ignorante.

Questa è l’incomprensibile convinzione imperante tra le attuali generazioni BimbiMinkia Quarantenni.

Di giorno tutti bravaggente e la sera tutti quindicenni. La mattina dopo a lavorare con l’hangover, in pausa pranzo posano la zappa, accendono il pc et voilà: tutti Dottori con un click.

(dei lettori di Fabio Volo che si incazzano se li cataloghi come lettori di Fabio Volo magari parliamo un’altra volta, prima che mi venga un’ulcera)

 

N.H

 

Che Dio ci salvi!

Sto cercando di nutrire la ben poca speranza rimastomi seguendo questa schizofrenica campagna elettorale. I presupposti per pensare che questo paese abbia raggiunto un livello infimo ci sono tutti, da qualunque parte io mi volga a osservare. Sono davvero molti gli aspetti sbalorditivi già emersi, e dire che ancora nemmeno si sia dato il via alla competizione.

Ed è sempre così affascinante leggere e sentire chi scrive “berlusconi presidente”; un déjà-vu che trovo fantastico! Mi chiedo se esista un caso analogo nella letteratura storica di un paese mediamente “normale”?! Ma penso proprio di no, nemmeno nella più remota tribù africana dell’era di Jean-Bedel Bokassa.

Tutto ciò è incredibilmente fantastico perché segna il tempo in cui viviamo. Un tempo in cui la legge è paurosamente astratta, plasmabile al bisogno. I banditi e gli illegali partiti fascisti nelle liste elettorali muovono a sdegno le nostre coscienze, e qualche giornale nei trafiletti da quattro righe ogni tanto ci prova a ricordarci questa stortura tutta italiana, senza mancare però il rilancio a gran voce delle dichiarazioni di un criminale qualunque, condannato all’interdizione dai pubblici uffici, che è sicuro di poter ottenere un 45% alle prossime farsesche elezioni.

È incredibilmente fantastico e affascinante, tutto questo, perché in fondo non è del tutto impossibile: può accadere.

Ci provo ad appassionarmi a questa nuova e interminabile televendita, con più sconti e occasioni che in Poltrone e Sofà. Ancora non è nemmeno iniziata e già possiamo scegliere il prodotto che più ci aggrada, da meno tasse a più lavoro, dalle pensioni al canone RAI, meno immigrati e più italiani, sussidi come se piovesse, meno immigrati, più dentiere, meno immigrati, più qualunque cosa venga in mente e meno immigrati.

L’Arena delle contrattazioni fasulle è aperta – la gente non ce la fa più, dicono – la gente vuole un cambiamento, la gente vuole, e così chiunque si appresti a rappresentare il cambiamento italiano cade nella trappola: deporre nel paniere anche la sua offerta, quella che proprio non si può rifiutare: “Università gratis per tutti!”

E niente, non riesco a non appassionarmi; sarebbe un insulto alla mia e altrui intelligenza.

Grasso dice che si possono abolire le tasse universitarie, lo dice perché lui vorrebbe tutti “Liberi e Uguali”; voglio credere che sia il pensiero dell’ingenuità, della quasi verginità politica di un uomo per bene, ma vi confesso che ho dei forti dubbi a riguardo. In un paese così diseguale, cosi dannatamente spaccato in due, dove c’è chi gode e chi arranca, chi fa manbassa e chi viene derubato, nessuno è libero e tutti sono uguali a loro stessi. E ha perso l’occasione per dimostrarsi diverso, cosa che lo avrebbe reso più appetibile agli occhi di chi, come me, dell’eguaglianza ne ha piene le scatole. Abolire le tasse universitarie in un paese in cui di fatto si sono aboliti i diritti fondamentali del cittadino è l’ennesima offerta valida fino al giorno dopo, un giorno qualunque.

Per essere liberi e uguali avremmo bisogno di riavere una scuola che funzioni fin dalle primarie, con la carta igienica nei bagni, col materiale didattico gratuito, con i termosifoni funzionanti d’inverno, con le mense gratuite per i bambini di qualunque colore, religione o reddito. Morale, una scuola che ripristini il Diritto Fondamentale allo Studio.

E niente, mi domando sempre: da cosa dovrei lasciarmi appassionare? Non perdo la speranza, qualcosa dovrà pur apparire. Prima o poi qualcosa dovrà pur essere capace di ridestare tutta la mia curiosità, la mia voglia di tornare alla politica attiva, la mia voglia di credere e lottare. Chissà, magari quando avranno eletto berlusconi presidente, e sarà fatto ministro della Giustizia Marcello Dell’Utri. Perché in Italia tutto può accadere. Nel frattempo, vi prego, non svegliatemi, ho un estremo bisogno di sognare tempi migliori.

N.H

L’atrocità dei nostri tempi.

Può succedere in questi nostri tempi tecnologici, di connessione tra i mondi, che il nostro vicino di casa tenga una donna segregata in casa, che la riduca in schiavitù, che la renda madre delle sue violenze sessuali, e che i figli avuti debbano condividere con lei le violenze, la segregazione, gli escrementi, i ratti, l’abbandono e il terrore.

In questi tempi di scarpe rosse e fiocchetti colorati, mostrati al mondo intero come risoluzione della nostra emancipazione e della nostra libertà, può succedere che non si sappia nulla delle tragedie che altre donne vivono ad un passo di noi, perché è importante non mostrarsi curiose, invadenti; è importante essere superiori, non impicciarsi come facevano le vecchiette pettegole del paese, sedute alla sera in mezzo alla via, a controllare il traffico altrui, e le altrui debolezze.

Viviamo e facciamo parte di un’epoca in cui è così bello e facile “essere tutti qualcuno”, che non ci siamo accorti di essere più nulla. “Siamo tutti palestinesi, siamo tutti francesi, siamo tutti terremotati, siamo tutti massacrati.” Io, non ci ho creduto mai. Perché non può essere vero che riusciamo ad essere così partecipi del dolore di intere nazioni, mentre siamo incapaci di essere partecipi della tragedia che una donna – o una persona – vive a dieci passi da noi.

Il mostro, si sa, non può essere uno di noi. Se così fosse, come si potrebbe continuare a vivere in leggerezza in questi anni pesanti e sfinenti? Meglio allora pensarlo nero, sbandato, senza lavoro ma col wifi e i 35 euro in tasca. Meglio non sapere il suo nome e chiamarlo “quello là”. Da troppo tempo i mostri son quelli che arrivano dal mare, che ci invadono, che ci rubano il lavoro e le donne. Poi col tempo si cambiano le etnie, ma mostri restano senza dubbio alcuno. In principio furono gli albanesi, e poi, via via … il resto lo sappiamo. E quando sembra che tutto non sia proprio così, come ci vorrebbero far credere, basta un attimo: basta far circolare ancora la notizia delle “spose bambine” per riportare l’indignazione di massa là dove deve stare. Lontana da noi.

Ma capita che in Calabria, un uomo tenga segregata una giovane donna per dieci anni, la sposti da una casa all’altra fino a rinchiuderla in una baracca con la catena alla porta. Capita che la violenti, che la sottoponga a torture davanti ai suoi bambini – figli di quelle violenze – che la ferisca, che le strappi la carne e gliela richiuda con la lenza da pesca quando sanguina troppo, che la lasci vivere in mezzo ai suoi stessi escrementi – insieme ai suoi bambini – che ne faccia una schiava, e che renda schiavi anche i suoi figli. Che la tenga isolata dal mondo per dieci lunghissimi anni. Nel silenzio di chiunque abbia intuito, o saputo. Di chiunque non si sia mai posto una domanda su quel bambino che ogni tanto vedeva seguire “suo padre”, sporco, tignoso, malnutrito e abbia girato lo sguardo altrove, per non vedere che il mostro, era proprio uno di noi.

La donna – ragazza- invece no; lei è rumena. Una ragazza arrivata qua perché sperava che noi fossimo meglio di loro.

N.H

Quanto è inutile scrivere quando sai che la gente ha smesso di leggere!

Sto cercando di scrivere una cosa che continuo a cancellare, non perché non abbia il coraggio delle mie parole, quello non mi è mai mancato, ma francamente lo dico: sono stanca e stufa di ricevere messaggi e e-mail insultanti, traboccanti offese e minacce astratte da chi ha deciso di farsi fottere l’ultimo neurone dalla propaganda nazifascioleghista.

Volevo scrivere che ho rilevato una cosa: più aumentano le notizie delle donne violentate – magari – dallo straniero, meno si parla della situazione dei migranti abbandonati alle armi della Libia. Più i giornali spazzatura inoculano il virus del terrore di camminare per strada, meno si parla delle aggressioni razziste che si ripetono, in questi nefasti giorni in Italia. Più si divulgano agghiaccianti accadimenti, che di nero ha solo la cronaca, meno attenzione si presta ai rigurgiti nazifascisti che ormai son diventati grandi e schifosissime vomitate.

Le associazioni umanitarie lasciano obbligati i mari dove le persone in fuga moriranno, il silenzio calerà sulle stragi a venire. Probabilmente non avremo più piccoli cadaveri di bimbi adagiati in riva al mare a far scuotere l’ultima coscienza sopita, e a quel punto – forse – le donne violentate torneranno ad essere centrali nel racconto della lordura abominevole dell’essere umano. Ma anche in quel caso, parlarne, non servirà certo a darsi le risposte giuste per sanare lo scempio.

Volevo sapere e chiedere se anche a qualcuno di voi capita di restare senza parole davanti a quelle di altri, lasciate andare con estrema superficialità a commento degli articoli di “giornale”, che sembrano essere scritti col solo intento di attirarle tutte a sé, che più ne vengono e meglio è. La pena di morte! In questi giorni l’ho letta così tante volte che, ogni volta mi svuotavo un po’. Così, per capire, son partita da Ilaria, che con veemenza commentava “il branco di Rimini” – che se proprio non lo si poteva mandare in Polonia (e non capiva nemmeno perché) allora si poteva sperare che venissero giustiziati da altri carcerati, nelle patrie galere.

Volevo scrivere a Ilaria che non è il colore della pelle a fare di un uomo un criminale. Ma è stato solo un attimo, il tempo necessario a due click per arrivare al suo profilo e vedere il suo bel faccino sorridente a lato della sua immagine di copertina. La scritta nera su sfondo grigio: “Stay Human – Restiamo Umani”.

Sto cercando di scrivere una cosa, in qualche modo l’ho fatto smettendo di cancellare. Ma quanto è inutile scrivere quando sai che la gente ha smesso di leggere?

N.H

Il massacro dell’Umanità

Ho discusso ieri con un esponente PD, che in merito alla preoccupante dechiarazione della sindaca di Codigoro, sulla proposta di alzare le tasse a chi ospita rifugiati, aveva cercato di giustificare (!) con tono paternalistico l’ennesima caduta libera del suo partito.

A dir il vero non posso dire d’aver discusso; ho espresso sinteticamente il mio pensiero lasciando a lui la vittoria per abbandono. Che io con i cretini non ci voglio più perdere tempo.

Noi ridiamo; facciamo satira e ridiamo. Ma ridiamo per legittima difesa.

Quando il riso finisce resta il dovere di tornare seri, e spiegare con quel poco di voce che ci è rimasta che il fascismo non è più latente. È tornato nella sua forma peggiore con l’arroganza di un potere inetto e ignorante che non rispetta più nessuno, nemmeno il buon senso. Ed è umanamente massacrante assistere, totalmente impotenti, all’egemonia culturale di destrsinistrcentro imporsi incontrastata sul tema migranti.

Prevale l’odio, l’ostilità, la paura, l’intolleranza, i porti chiusi, i numeri chiusi, i muri, i militari ai confini, l’idea delirante di aiutarli nemmeno più “a casa loro”, ma sulle barche loro lasciando che la morte li raggiunga. E soprattutto prevale quel “loro” contrapposto a un “noi” che è un’invenzione, che è già intrinsecamente razzista, disumanizzante, incapace di empatia come questa era in cui i lutti e i traguardi si celebrano in tempo reale, si condividono in prima pagina ma, temo, si vivono sempre meno, perché sempre meno si riconosce l’umanità dell’altro, di chi scompare o trionfa; e ne resta un’immagine, una foto simbolo, un tweet sagace, una polemica televisiva, uno slogan pubblicitario, un marketing dell’umanità che rivolta lo stomaco con tanto di conati.

Non è solo l’autoritarismo che ritorna nei volti osceni di Trump, Erdogan, Putin o Maduro, nelle loro minacce che sempre più sembrano quotidianità, nella loro intolleranza fatta sistema. E non è nemmeno il conservatorismo sempre più bieco delle destre Occidentali. È anche, forse soprattutto, l’incapacità di immaginazione, slancio e visione delle sinistre, dei “progressisti” che parlano proprio come loro, quelli che dovrebbero stare dall’altra parte e sì, dovremmo – e scusate il “noi” – combattere come si combatte un avversario e un nemico; altro che la “post-ideologia” del volemose bene, del dialogo a ogni costo.

Quando un rappresentante dello Stato e delle Istituzioni ha il coraggio arrogante di dichiarare il suo nazismo con assurda spavalderia, dovrebbe essere costretto alle dimissioni dai vertici del partito a cui appartiene. Dovrebbero essere le istituzioni a correggere loro stesse, a recuperare credibilità, a chiedere scusa alla popolazione che rappresentano. Ma è utopia, lo capisco da me. Perché il risultato è questo: ognuno si fa i cazzi suoi, per un pugno di elettori nel giardino di casa propria. Lo dico con la pena nel cuore e nel cervello, ma a questo punto meglio il multiculturalismo di uno Zuckerberg o qualsiasi altra piattaforma sociale. Meglio quello di un’Europa incapace di qualunque cooperazione umanitaria reale, che sfondi una pagina di comunicato stampa. Meglio il dominio dell’algoritmo che un mondo fatto di uomini altrettanto macchine – e chissà se una qualunque intelligenza artificiale, per quanto scema, farebbe morire tutti gli esseri umani che sono morti e continuano a morire, in questi mesi e anni, per mancanza di intelligenza naturale.  

A noi forse è meglio che resti la voglia di ridere, di allargare le braccia, di farsele cadere perché non c’è il tanto nemmeno per combattere seriamente. Perché ormai è inutile ricordare che è esistito solo un modo per combattere e vincere il fascismo, e chi se lo ricorda perché l’ha vissuto o solo studiato seriamente quando i libri di storia avevano ancora un’utilità, è troppo vecchio o male in arnese.
Possiamo esigere, anche ridendo in faccia a questi ignoranti rimbecilliti dal potere, che stiano zitti o che tornino ad una parvenza di serietà. Perché un conto è l’imbecille che scrive sui Social Network o chiacchiera a vanvera al tavolino di un bar, un altro è quando a palesare la sua stupidità è un rappresentante delle istituzioni. Ma anche questo è difficile da spiegare ormai, quando i “supporters” di questo o quel babbeo, anziché porsi una domanda e darsi una risposta, ti apostrofa con “stai sempre a far le pulci per un errore di italiano, o per un lapsus”.
Eh no, non è così riduttivo! Se a voi sta bene Napoleone ad Aushwitz , le mamme fattrici dell’italica razza, l’alternanza scuola lavoro, l’abrogazione del reato di apologia di fascismo perché liberticida (sic!) e tutte le altre porcherie dette o approvate negli ultimi anni (tengo fuori il sessismo e il razzismo per non ammorbare nessuno) preparatevi al futuro, perché sarà qualcosa che surclasserà il peggio che stiamo vivendo. E già oggi trovo assai più autorevole il mio fruttivendolo di questa manica di imbecilli fatti fascisti solo dalla loro miserabile sete di potere. La politica è altro. La politica dovrebbe essere a nostro servizio, e non il contrario.

 

N.H

 

La proiezione del vissuto.

Vasco ieri, Fantozzi oggi, la proiezione del vissuto di tante generazioni italiane; la sottile via di mezzo tra il qualunquismo e la poesia, la possibilità di specchiarsi come si può, si vuole, come si crede. Ognuno col suo pezzo di vetro. Vasco e Fantozzi, la leggerezza con dentro la morte, di continuo. Come se le vite di tanti di noi fossero al dunque. Lo senti nell’aria, nello sfilacciarsi delle cose importanti. O che almeno credevi lo fossero. Da qui la voglia di grande raduno: al concerto come bilancio, o al funerale virtuale come espiazione. Una specie di depressione carsica dilagante, dovuta al fatto che non c’è il vento giovane, non è strutturato. Non disturba, non arriva, non si sente un paradigma sostitutivo. I rapper, gli youtubers, gli bloggers, i giovani cineasti, gli scrittori, i movimenti. Tutto un rumore plasticoso, che sa di business o ripiego, piccolo cabotaggio, schiuma di onda, non si sente controbilanciamento umano, nuova linfa, anticorpo. Narciso non racconta altro che di sé, ma solo a sé. Fuori, mente. Al contrario di Vasco. Sembriamo un paese vecchio, che ha strangolato in culla il futuro, non gli dà voce, o meglio, gli impedisce di costruirsi un racconto. Ma qui non è questione di colpe o meriti. Senza il nemico giovane, ribelle, il vecchio imperversa, esonda, ammanta, coi suoi rimpianti, gli slanci, le invettive, il progetto a vicolo cieco. Mugugna e rosicchia, il vecchio, e scaracchia indignato. Il vecchio è un professionista dello spegnere. È colpa di Alfredo, la CocaCola , le canottiere, stivali, i sopravvissuti, le pietre rotolanti nostrane. Nel bicchiere pieno di lucciole, Fantozzi colse la bellezza di sua moglie, con cui ha passato quasi un secolo, di tradimento devoto, esibito. Il fenotipo italiano lo richiede, poesia malandrina. Venghino, come è umano lei. Nel dilettantismo emotivo, nella perdita della grammatica delle cose, ovvio che ci si rivolga a loro, grandi professionisti di specchi, svago e depressione maschile superata a figa, grasse risate, e cin con gli amici, come residuo di identità. Quel che è vero, quel che no, poco importa. Importa che con quelli come Villaggio non perdiamo persone e personaggi, ma un metodo. Perché sapeva scrivere davvero. Quando loro se ne vanno, che si fa? Ci resta il risultato, gli unici due risultati di tutto questo coacervo, gli unici veri punk dell’edonismo coatto, della raunch culture lasciata sola dai vecchi, costretta a misurarsi con le ombre ingombranti dei padri, dei nonni… Fabrizio Corona e Lapo Elkann. Per loro, a ben grattare, il sistema ha ritagliato il ruolo di vento ribelle, le pietre rotolanti, il non-racconto del nuovo millennio italiota. Il resto, precarietà.

 

N.H

Cambiare visuale

È importante saper cogliere i segnali.

È importante cambiare visuale.

Guardare il mondo stesa sull’asfalto ti cambia davvero un paio di prospettive. L’urto contro l’auto è stato lieve e minimo, ma mi ha fatto perdere l’equilibrio e poi la bicicletta, questa mia cara appena battezzata, non ha airbag che si gonfiano o ali che si spiegano e quindi il volo sull’asfalto è stato una conseguenza inevitabile. Ma dall’asfalto è arrivata la risposta chiara, netta e esplicita: nulla aveva più importanza se non riuscire ad alzarmi, respirare e camminare…

Una mano maschile si è allungata e mi ha aiutato a rialzarmi e rimettimi in piedi e non so che faccia avesse, ché la paura mi offuscava la vista e la testa e non capivo se non che riuscivo ad alzarmi e a camminare, tutta storta e dolorante, ma camminavo. Esplosione di gioiasollievo e non m’importava dell’imbecille che mi aveva tagliato la strada e nemmeno di tutti i dolori che sentivo. Camminavo. Pensavo. Ragionavo. Vedevo. Parlavo. Il mondo era ancora là fermo, uguale a come era prima.

È importante cambiare la visuale.

Avrei potuto sbattere la testa sul bordo del marciapiede, che era a pochi centimetri da dove sono caduta. Avrei potuto rompermi qualche osso. Avrei potuto rimanere immobilizzata. Avrei potuto morire. Peggio ancora. Avrei potuto andare in coma.
È importante cambiare la visuale.

Ghiaccio su spalla/gomito/ginocchio e che cazzo vuoi che sia? Va bene, sorrido, rido e ringrazio.
Nelle lunghe ore passate al pronto soccorso ho continuato ad essere felice e tranquilla, anche quando mi girava la testa e il mio acufene ai massimi storici che mi sembrava di essere su una nave con il mare forza venti. E sono uscita a chiamare per tranquillizzare i pargoli e c’era una luna piena talmente grande e nitida che sembrava appesa nel cielo solo per me ed è stato come si sciogliesse quel grumo che mi portavo dentro da troppo tempo ormai, fatto di tante scorie inutili e sporche. La luna limpida nel cielo di una primavera che sa di trasformazioni e l’odore forte del cambiamento e dentro di me un caldo sentimento di pace.
È importante cambiare la visuale.

Mentre ancora parlavo con i vigili dell’imbecille che ha causato il tutto, è arrivato il figlio piccolo, con il volto duro e contratto, pronto a battersi come una belva per me. E poi è arrivata anche F. e mi sono rimasti vicini per tutte quelle stanche e lunghe ore vuote di attesa al pronto soccorso. A farmi ridere, a chiacchierare, a farmi sentire protetta e difesa, a darmi affetto a palate, ad essere con me. Che è importante. Che è stato importante, perché ha rimesso a posto qualche equilibrio. Il sentimento. L’affetto. La protezione. La responsabilità.
È importante cambiare la visuale.

N.H

Prendiamola con filosofia 

“Senza provare turbamento vedrà il suolo spalancarsi, rotti i legami che lo tengono unito, anche quando venissero allo scoperto i regni stessi degli inferi. Si ergerà intrepido sull’orlo di quell’abisso, e forse da solo si precipiterà dove in ogni caso è destinato a cadere. Che cosa m’importa della grandiosità di ciò che mi uccide? La morte, di per sé, non è gran cosa”.

Seneca, “De Providentia”

Da sempre, gli stoici così, mi sono apparsi come esseri a sé stanti, in perenne contraddizione/oscillazione tra crudeltà e eroismo mentale; tuttavia non posso non ammettere un moto di ammirazione per loro, con buona pace di certe boutade che mi lasciano un po’ perplessa. Ad esempio: l’insegnamento senechiano, nel rimarcare l’imperturbabilità del saggio dinanzi alla morte propria e altrui – per non parlare delle sue considerazioni sul suicidio – , afferma che questi ha compiuto un percorso di distacco tale dalla vita da non provare compassione per alcun individuo sofferente, foss’anche qualcuno a lui prossimo. Questo perché il sapiente pensa che il dolore è condizione propria dell’uomo quindi parte integrante del suo vissuto e di conseguenza non vi è motivo per esserne turbati.

Ebbene, sono sempre più persuasa che il disprezzo per l’umana fragilità è ben lungi dall’essere segno di saggezza o qualsivoglia forma di raziocinio.

È nelle avversità che l’uomo misura se stesso e, così facendo, riesce a comprendere appieno il valore – enorme – nascosto nella propria interiorità. Le avversità costituiscono un banco di prova che, pur infliggendo dolore, rallegra alfine con le gioie del superamento, della vittoria, della riuscita.

Parallelamente, c’è lui, il barone di Coubertin, egli, nel ribadire l’importanza della lotta interiore, insegna: “L’important dans la vie, ce n’est point le triomphe, mais le combat. L’essentiel n’est pas d’avoir vaincu, mais de s’être bien battu.” (Riporto in lingua originale per non stravolgere il senso nella traduzione).

Ecco, forse questa interpretazione del senso della vita potrebbe in qual modo far vacillare anche il più saggio degli stoici. Sempre che lo stoicismo sia accomunabile alla saggezza e che disinteressarsi del destino proprio o altrui non sia in realtà un espediente per chiamarsi fuori dai giochi. Come se questo fosse possibile.

Un certo parallelismo con quel nirvana così difficile da raggiungere ma che non è paradiso, non è morte e, per me, non è nemmeno vita.

N.H