Il massacro dell’Umanità

Ho discusso ieri con un esponente PD, che in merito alla preoccupante dechiarazione della sindaca di Codigoro, sulla proposta di alzare le tasse a chi ospita rifugiati, aveva cercato di giustificare (!) con tono paternalistico l’ennesima caduta libera del suo partito.

A dir il vero non posso dire d’aver discusso; ho espresso sinteticamente il mio pensiero lasciando a lui la vittoria per abbandono. Che io con i cretini non ci voglio più perdere tempo.

Noi ridiamo; facciamo satira e ridiamo. Ma ridiamo per legittima difesa.

Quando il riso finisce resta il dovere di tornare seri, e spiegare con quel poco di voce che ci è rimasta che il fascismo non è più latente. È tornato nella sua forma peggiore con l’arroganza di un potere inetto e ignorante che non rispetta più nessuno, nemmeno il buon senso. Ed è umanamente massacrante assistere, totalmente impotenti, all’egemonia culturale di destrsinistrcentro imporsi incontrastata sul tema migranti.

Prevale l’odio, l’ostilità, la paura, l’intolleranza, i porti chiusi, i numeri chiusi, i muri, i militari ai confini, l’idea delirante di aiutarli nemmeno più “a casa loro”, ma sulle barche loro lasciando che la morte li raggiunga. E soprattutto prevale quel “loro” contrapposto a un “noi” che è un’invenzione, che è già intrinsecamente razzista, disumanizzante, incapace di empatia come questa era in cui i lutti e i traguardi si celebrano in tempo reale, si condividono in prima pagina ma, temo, si vivono sempre meno, perché sempre meno si riconosce l’umanità dell’altro, di chi scompare o trionfa; e ne resta un’immagine, una foto simbolo, un tweet sagace, una polemica televisiva, uno slogan pubblicitario, un marketing dell’umanità che rivolta lo stomaco con tanto di conati.

Non è solo l’autoritarismo che ritorna nei volti osceni di Trump, Erdogan, Putin o Maduro, nelle loro minacce che sempre più sembrano quotidianità, nella loro intolleranza fatta sistema. E non è nemmeno il conservatorismo sempre più bieco delle destre Occidentali. È anche, forse soprattutto, l’incapacità di immaginazione, slancio e visione delle sinistre, dei “progressisti” che parlano proprio come loro, quelli che dovrebbero stare dall’altra parte e sì, dovremmo – e scusate il “noi” – combattere come si combatte un avversario e un nemico; altro che la “post-ideologia” del volemose bene, del dialogo a ogni costo.

Quando un rappresentante dello Stato e delle Istituzioni ha il coraggio arrogante di dichiarare il suo nazismo con assurda spavalderia, dovrebbe essere costretto alle dimissioni dai vertici del partito a cui appartiene. Dovrebbero essere le istituzioni a correggere loro stesse, a recuperare credibilità, a chiedere scusa alla popolazione che rappresentano. Ma è utopia, lo capisco da me. Perché il risultato è questo: ognuno si fa i cazzi suoi, per un pugno di elettori nel giardino di casa propria. Lo dico con la pena nel cuore e nel cervello, ma a questo punto meglio il multiculturalismo di uno Zuckerberg o qualsiasi altra piattaforma sociale. Meglio quello di un’Europa incapace di qualunque cooperazione umanitaria reale, che sfondi una pagina di comunicato stampa. Meglio il dominio dell’algoritmo che un mondo fatto di uomini altrettanto macchine – e chissà se una qualunque intelligenza artificiale, per quanto scema, farebbe morire tutti gli esseri umani che sono morti e continuano a morire, in questi mesi e anni, per mancanza di intelligenza naturale.  

A noi forse è meglio che resti la voglia di ridere, di allargare le braccia, di farsele cadere perché non c’è il tanto nemmeno per combattere seriamente. Perché ormai è inutile ricordare che è esistito solo un modo per combattere e vincere il fascismo, e chi se lo ricorda perché l’ha vissuto o solo studiato seriamente quando i libri di storia avevano ancora un’utilità, è troppo vecchio o male in arnese.
Possiamo esigere, anche ridendo in faccia a questi ignoranti rimbecilliti dal potere, che stiano zitti o che tornino ad una parvenza di serietà. Perché un conto è l’imbecille che scrive sui Social Network o chiacchiera a vanvera al tavolino di un bar, un altro è quando a palesare la sua stupidità è un rappresentante delle istituzioni. Ma anche questo è difficile da spiegare ormai, quando i “supporters” di questo o quel babbeo, anziché porsi una domanda e darsi una risposta, ti apostrofa con “stai sempre a far le pulci per un errore di italiano, o per un lapsus”.
Eh no, non è così riduttivo! Se a voi sta bene Napoleone ad Aushwitz , le mamme fattrici dell’italica razza, l’alternanza scuola lavoro, l’abrogazione del reato di apologia di fascismo perché liberticida (sic!) e tutte le altre porcherie dette o approvate negli ultimi anni (tengo fuori il sessismo e il razzismo per non ammorbare nessuno) preparatevi al futuro, perché sarà qualcosa che surclasserà il peggio che stiamo vivendo. E già oggi trovo assai più autorevole il mio fruttivendolo di questa manica di imbecilli fatti fascisti solo dalla loro miserabile sete di potere. La politica è altro. La politica dovrebbe essere a nostro servizio, e non il contrario.

 

N.H

 

Come è triste Venezia 

Vorrei tanto meravigliarmi, chiudere gli occhi aprirli e realizzare che si stratta di un incubo, una fake news come tante, ma così non è, perché questa è la nostra realtà, una realtà dove l’indifferenza fa da padrona. Una specie di mutazione genetica nel nostro DNA che ci porta a girare dall’altra parte quando qualcuno ha bisogno. Meglio non interessarsi, meglio girare l’angolo e andare via.
L’interesse però si trova per condividere con amici sui 100mila social che fanno da specchio alla nostra misera realtà.
Il fatto in sé non ha nessuna importanza, non importa che stia morendo un persona, ha più importanza condividere e divulgare l’indifferenza e il massacro dell’umanità.

Che tanto, che vuoi che sia, è un migrante, meglio così perché come si dice adesso “uno di meno” o  “prima gli italiani”.
Vorrei ricordare ai tanti indifferenti che in quel tratto di laguna, a Venezia, c’era solo un ragazzo di 22 anni che è arrivato al gesto estremo del suicidio per un permesso di soggiorno non concesso e lo spauracchio del ritorno in una terra dalla quale era appena fuggito.
E vorrei ancora e altrettanto meravigliarmi, ma non non ci riesco perché queste sono notizie che è meglio mettere sotto lo zerbino, che politicamente fanno perdere voti.
Cosa siamo diventati? Cosa diventeremo ancora? Che società è quella che guarda morire un ragazzo in acqua mandandolo in mondo visione?
Lo abbiamo ignorato, abbandonato, non solo in acqua anche in quella che qualcuno definisce la sua realtà, il world wide web.
Stiamo assistendo alla decadenza della civiltà, all’uccisione dell’umanità e ci navighiamo in mezzo condividendola con un click.
N.H

Trump in progress

e1a31ff6-e25d-11e6-90f6-27595f8990ae

E niente, “l’uomo forte” non si smentisce. In pochi giorni ha firmato contro le donne, l’ambiente, immigrati, il libero mercato. Ha già annunciato un intervento militare in Siria, ha nominato antivaccinisti (invitando Wakefield all’insediamento) e antiabortisti ai posti chiave della sanità, ha smantellato la riforma sanitaria universalista, ha promesso la fine delle limitazioni anti inquinamento ai grandi industriali, la fine dei trattati sulle emissioni. Con faccia spavalda, aria rivendicativa, muso da pittbull, circondato da soli maschi, bianchi. Ovviamente, da vero cowboy, i Sioux non passano. Un idolo, una liberazione, per te che aspettavi uno così, e te ne stavi un po’ in sordina. Sfogati pure, finché dura. Sì, ha messo Thiel di Paypal alla comunicazione, ha promesso agli altri della Silicon Valley mantenimento ed espansione della deregulation in cui sguazzano. Ma alla fine, nel gioco fra protezionismi, anche a ‘sti demoni del web i conti non torneranno, da un mondo inquinato e incendiato non potrà che sollevarsi una grande ondata liberatoria. Spero che travolga anche loro, a cui stiamo svendendo le nostre vite. E tu, amico mio, ora ringalluzzito, spero che dovrai tornare ad acquattarti nel tuo pertugio.

http://www.corriere.it/foto-gallery/esteri/16_maggio_25/combattivo-sicuro-se-firma-parla-donald-trump-6c6a4206-2290-11e6-889d-0e478b0d5f56.shtml